LA PAROLA ALL'AUTORE - Onorevole assassino: nella mente di un serial killer

Un noir dalle sfumature hard-boiled in un labirinto sinaptico che non conosce empatia ed è completamente deviato: Onorevole assassino.

In uscita il 18 giugno su tutti gli store e nelle librerie.





 

Cosa fa dell’uomo, un uomo? E cosa dell’assassino, un assassino?

E come può venire in mente a uno scrittore di parlarne, se è il primo a non capirci una mazza?

Boh, non lo so. Ma una cosa è certa: mi sono divertito, sì, a prendere per il culo i personaggi, il mondo dei benpensanti, gli scienziati della psiche che sono i primi a voler imporre un pensiero, il pensiero: unico, idealizzato, da vestito buono e piatto unico.

Mangio con le mani e metto i soliti jeans, 'sti cazzi.


Poi dicono che ci sono regole nella scrittura, binari e confini invalicabili, perché? Esistono confini in letteratura? Alla fantasia? Alla voglia di mandare a fare in culo qualcuno?

Perché è questo che fa il killer in Onorevole assassino, che a definirlo tale mi viene da ridere...

Si crede di essere l’unico ad avere una mania e, forse, ha ragione. La sua è una di quelle malate, ossessive, che germoglia nel pantano del vizio con un solo scopo: appagare la cupidigia e soddisfare il bene superiore: il suo. E lui, puttaniere, frequentatore di night, pieno di soldi da fare schifo, di donne da fare invidia a chiunque, cerca di ritrovarsi senza mai riuscirci. Sceso in buco profondo della mente con una sola via d’uscita: morire, dentro di sicuro, ma anche fuori, forse. E lo fa mostrando il dito medio.

Le regole.

Oh, ne ero convinto anch’io quando ho scritto il mio primo romanzo, e per questo ho fatto una fatica che non s’immagina, ero vuoto, alla fine e non volevo sentire più parlare di libri, figuriamoci di scriverli. Per tutta la vita che mi restava da vivere e nemmeno da morto. Ci voleva una doccia che lavasse via persino l’ultimo pensiero, un nuovo vuoto da riempire con l’innocenza del bambino, sgranare gli occhi e meravigliarsi per una puttanata qualsiasi.

Ma non ce l’avrei fatta da solo, nella scrittura, vagavo nella nuova città dell’editoria, mai vista prima e senza una mappa o un navigatore, nessuno a cui chiedere e sedersi sulla prima panchina stralunato e perso: ero senza voce e cieco come una talpa.

Poi succedono cose.

C’è gente che vede, che riesce a andare oltre l’oggetto libro e accende una luce, fievole, ma capace di accecarti, di spronare la pigrizia e sollevare il velo in testa. Scoprire che si può, e si deve, essere se stessi anche nella scrittura. Via paletti e recinti, raccontare liberi da ostacoli, divertirsi per davvero e farlo fregandosene dei giudizi, pregiudizi o delle pippe mentali.

Sì, fottersene.

Così è nato Onorevole assassino.

Il killer direbbe: vaffanculo!


Anthony Ragman


 

Volete incontrare l'autore? IL 19 giugno alle 18.30 sarà presente al Buk Festival di Modena, in viale Buon Pastore 73, al Laboratorio Aperto.


77 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti